mercoledì, giugno 11, 2008

Memesphere protocloud: tra chiromanzia e investigazione

Brutta cosa le sale d'aspetto. Specie se hai a portata di mano un pc ed una connessione altalenante. Potrebbe succedere quanto segue.

Potrebbe succedere di aprire la home page di Memesphere e, nel cercare di capire di cosa si tratta, cominciare a riflettere sulla concept cloud a lato. Dando per scontato che qualcosa c'entri pure e non sia un depistaggio, ovvio.

Non me ne voglia l'amico Antonio (principe delle tag cloud): non sono un amante dello strumento, lo confesso. Credo siano un ottimo strumento di giustificazione a posteriori più che un reale sintetizzatore del rumore all'interno delle conversazioni. Ma, siccome di me non mi fido, voglio provare a fare un reverse engeneering della linea editoriale di Memesphere a partire da quella cloud. I risultati li trovate in fondo al post.

Step 1: ordinare i termini
Tasto desto su firefox, seleziono l'area di interesse e ordino i tag in base ai pixel (ottengo così pagina 1). Nulla di particolarmente interessante ma almeno ho una visione ordinata.

Step 2: Aggregazione dei termini
Con santa pazienza comincio a raggruppare termini della stessa area facendomi ispirare dalle categorie del veterogiornalismo. La prima cosa che viene fuori è che il focus è sull'Attualità, con particolare focus su politica, sport e tecnologia. Cosa che si evince facilmente se si considerano il numero dei termini ed il peso di ciascuno (totale px + entrate).

Come categorie residuali abbiamo il mondo Mac (residuale non per peso per per la ponderazione del recente keynote) l'Attualità della blogosfera e, a sorpresa, la Chiesa

Step 3: Generazione di una Meta tag Cloud
Apro Excel e metto i dati a mia disposizione in una tabella. Moltiplico le entrate per i pixel assegnati all'entrata [supponendo che tra i pixel e l'entrata ci sia una correlazione diretta]. Una volta finito, memore di una qualche regola matematica, divido tutti i risultati per 20 in modo da avere cifre umanamente accettabili ed assegno a ciascun termine quella dimensione di Font.

Read this document on Scribd: Memesphere pre-tag cloud

Step 4 Osservazioni preliminari
Le novità, insomma, stanno nelle categorie residuali. Se l'attualità della blogosfera ha un ruolo marginale finalmente ci troveremmo di fronte ad un servizio che parla, giornalisticamente, della blogosfera. Assegnando cioè un ruolo importante rispetto al complesso delle informazioni ma non preponderante. Come si può notare infatti, anche la terminologia usata nella cloud è di tipo professionale più che da blogger (es "forze dell'ordine e non "polizia"). Inoltre la distribuzione dei pesi è stranamente regolare e richiama molto la concezione di una redazione giornalistica tradizionale.

Step 5: Risultati
Se il reverse è corretto Memesphere avrà impostazione giornalistica, ovvero: Sguardo sulla politica (non solo commento ma anche news); Prenderà i dati da internet e non dalla blogosfera (da cui un prevedibile focus su tecnologia); Avrà una ponderazione delle notizie per gruppi di fonti.

Insomma: Ho passato il tempo evitando di rincorrere il segnale come un rabdomante wi-fi e sono diventato un altro di quelli che aspettano Memesphere. Bilancio tutto sommato positivo.

Per chi vuole scaricare il pdf.

3 commenti:

AT ha detto...

sei un grande...

Nekuia ha detto...

Thx me lo dicono tutti: "sei proprio un grande..." [segue insulto]
Ti si deve essere disconnesso il pc.

Per ora penso positivo :-)

Michele Melis ha detto...

ahahahahah
grande nekuia : P